Ucraina, coro accademico al Teatro Carlo Felice il 25 e 27 aprile
25 Aprile 2022
BANNER-CORO-980×551

TOTI: “MUSICA E CULTURA PER RICHIAMARE ATTENZIONE SU DEMOCRAZIA E PACE”. CAVO: “CON IL CARLO FELICE SOLD OUT SI TIENE VIVA LA CULTURA UCRAINA”

GENOVA. Arriva per la prima volta in Italia dallo scoppio del conflitto bellico, il Coro Popolare Accademico d’Onore Nazionale Ucraino ‘G. Veryovka’ fuggito da Kiev il 5 aprile scorso e ora ospite a Varsavia. Regione Liguria, in un’iniziativa coordinata dall’assessorato alla Cultura, ha accolto la proposta dell’associazione Pokrova di ospitare il coro nazionale, scegliendo di essere la prima tappa italiana di un tour che potrà portare gli artisti a esibirsi in eventi benefici.

L’iniziativa ligure, con il concerto aperto alla cittadinanza e fissato per mercoledì 27 aprile alle 19.45 al Teatro Carlo Felice, ha visto l’adesione e il coinvolgimento, oltre che del Comune di Genova, di ILSREC, Istituto Ligure per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea. Il concerto avrà un’anteprima il 25 aprile alle ore 19.45, nell’ambito del concerto tradizionale organizzato dal Teatro per festeggiare il giorno della Liberazione. In quell’occasione il coro ‘National Ukrainian Folk Ensemble ‘Veryovka’ si esibirà in un canto di liberazione e nell’inno nazionale ucraino. L’intera iniziativa rientra pertanto nelle celebrazioni per il 77-esimo anniversario della liberazione d’Italia dal nazifascismo.

L’ingresso del concerto in programma mercoledì 27 aprile è a offerta libera fino ad esaurimento dei posti a sedere prenotabili sul sito di Orientamenti.
I concerti sono realizzati in collaborazione con Fondazione Teatro Carlo Felice, Orientamenti, Associazione Pokrova, Costa Crociere e Trenitalia-Ferrovie dello Stato.
A partire da giovedì 28 aprile il coro sarà impegnato in una tournée a bordo della nave da crociera ‘Costa Firenze’ che partirà da Genova. Busitalia, Trenitalia e Ferrovie dello Stato si faranno carico del trasporto del coro da Varsavia a Genova e di tutti i trasferimenti necessari in Italia.

“Regione Liguria è felice di poter offrire il proprio sostegno a un’iniziativa che si pone l’obiettivo di richiamare l’attenzione su quella democrazia e libertà che dovrebbero appartenere ad ogni popolo – ha spiegato il presidente di Regione Liguria e commissario per l’accoglienza dei profughi Giovanni Toti -. Dopo aver offerto un supporto medico, di accoglienza ma anche integrazione nelle scuole per i più giovani, questa volta musica e cultura faranno da collante tra i cittadini ucraini e i liguri che al Carlo Felice avranno la possibilità di assistere ad uno spettacolo capace di mettere in mostra tutto l’orgoglio di una terra che sta attraversando un momento storico drammatico. Il concerto non sarà solo un arricchimento culturale ma anche un abbraccio simbolico a chi è stato costretto ad allontanarsi dal proprio paese e a chi sta combattendo in Ucraina per conservare la libertà”.

“È con grande piacere che Genova accoglie il Coro Popolare Accademico d’Onore Nazionale Ucraino ‘G. Veryovka’ – dichiara il vicesindaco Massimo Nicolò -. Si tratta di una presenza dall’alto valore simbolico ed artistico che intende ribadire la nostra vicinanza ad un popolo che sta vivendo il profondo dramma della guerra ed il cui patrimonio culturale deve essere preservato. Invito tutti i genovesi ad assistere alle loro esibizioni che avranno anche scopi benefici”.

“Ho avuto modo di conoscere l’associazione Pokrova grazie alle iniziative realizzate per le famiglie e per le scuole, ma anche per le visite culturali promosse in città – ha dichiarato l’assessore alla Cultura e alle Politiche Sociali Ilaria Cavo -. Abbiamo avuto modo di confrontarci su quanto sia importante la cultura, e mantenere viva quella ucraina. Per questo, quando è arrivata la proposta di ospitare questo coro nazionale, anche vedendo le immagini toccanti delle loro esibizioni durante l’esodo da Kiev, ho cercato di fare in modo che la risposta della Liguria fosse un sì. Ed è stato un sì grazie all’impegno di molti. Gli appuntamenti che presentiamo oggi rappresentano in tutto i sensi un progetto “corale” che permetterà a loro sia di esibirsi con un ‘anteprima molto significativa il 25 aprile (passare dall’inno ucraino all’inno di Mameli suonato dalla nostra orchestra proprio a Genova avrà un forte valore) sia in uno spettacolo dedicato a musiche ucraine la sera del 27 aprile. Rivolgo un appello a tutti i genovesi e a tutti i liguri: cogliete l’opportunità di venirli a vedere il 27 aprile, sarà importante l’offerta libera, ma anche garantire a loro un pubblico, una sala piena, ovvero quell’accoglienza che anche la loro cultura merita. È importante poi che dopo Genova abbiano possibilità di esibirsi ancora, grazie a Costa Crociere. Come coordinatrice della Commissione Cultura delle Regioni proporrò ai colleghi delle altre Regioni di ospitare nei loro teatri questa importante iniziativa di pace e solidarietà”.

CONCERTO 25 APRILE DEDICATO A LIBERTA’, DEMOCRAZIA E PACE
“Quest’anno – ha spiegato Mino Ronzitti, presidente ILSREC – dedichiamo il concerto del 25 Aprile alla solidarietà verso il popolo ucraino, alla libertà, alla democrazia e alla pace, nell’auspicio che si possa giungere rapidamente ad un negoziato che ponga fine alla guerra di aggressione di quel martoriato paese, che ha già provocato tante vittime innocenti e violenze inaudite sulla popolazione civile ucraina. Questo assume un particolare valore per Genova, città medaglia d’Oro al V.M., che pagò un alto tributo di sacrifici e di sangue nella lotta di liberazione dal nazifascismo; città tra le prime ad insorgere nell’aprile del ’45, che, unico esempio in tutto il secondo conflitto, vide la resa delle truppe di occupazione germaniche nelle mani del Comitato di Liberazione Nazionale della Liguria. Ciò nella consapevolezza che il bene prezioso della pace non è mai disgiungibile dal rispetto della dignità e dei diritti fondamentali della persona che la nostra Costituzione e la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo riconoscono come inalienabili. Per questo fine combatterono gli uomini e le donne della Resistenza italiana. Per questo fine dobbiamo continuare ad operare tenendo vivo lo spirito unitario e pluralistico del CLN, che vide partecipi rappresentanti di sensibilità politiche, culture e fedi religiose assai diverse, tuttavia, sempre animati dal reciproco rispetto e dalla comune aspirazione democratica”.

MESSAGGIO UNIVERSALE DI PACE
“Assieme alla Regione Liguria e al Comune di Genova, nel solco tracciato dal ministro Franceschini a sostegno del mondo della cultura ucraino Fondazione Teatro Carlo Felice è lieta di aprire le sue porte a un ensemble che in questa fase diventa ambasciatore di un messaggio universale di pace – ha aggiunto Claudio Orazi, Sovrintendente Teatro Carlo Felice -. Il canto del Coro nazionale Veryovka ci porterà vicino al cuore di una popolazione duramente colpita, ricordandoci al contempo che, al contrario della guerra, la musica e l’arte, la parola letteraria e poetica soltanto sono in grado di esprimere l’identità e l’orgoglio di un popolo, arricchendo l’umanità anziché privandolo della sua dignità e del suo diritto all’esistenza”.

LA SOLIDARIETA’ DELLA CULTURA UCRAINA
“La guerra in Ucraina, che dura da più di 50 giorni lascia purtroppo nella storia dell’umanità tante vittime innocenti – ha detto ancora Padre Vitaly Tarasenko, Cappellano comunità ucraina ligure -. Insieme a bambini, anziani, malati ed altri indifesi ad essere minacciato è anche il patrimonio culturale dell’Ucraina.
Bisogna salvare l’Ucraina. L’invasione militare della Federazione Russa ha uno scopo preciso: distruggere tutto ciò che è ucraino. Quasi tutti gli stati del mondo hanno condannato questa violenza, tra questi c’è l’Italia. La città di Genova e la Regione Liguria già nei primi giorni hanno condannato la guerra e hanno mostrato una generosa solidarietà. In questi giorni di resistenza sono stati inviate in Ucraina circa 450 tonnellate di aiuti umanitari, la raccolta non si ferma e non può fermarsi perché il popolo innocente non può morire di fame. L’accoglienza degli italiani fa da contrasto a chi si fa chiamare fratello ma poi porta la morte. I veri fratelli non lasciano solo nessuno e mostrano la vicinanza concreta. Le persone scappate dalla guerra ora qui hanno vitto ed alloggio, i ragazzi vanno a scuola e chi ha bisogno riceve cure mediche, in qualche modo la vita continua.
Accanto a questo sono state organizzate diverse manifestazioni, pellegrinaggi ed incontri di preghiera per la pace. Con questo evento si compie un passo successivo: la cultura italiana mostra solidarietà verso la cultura ucraina. E allora vogliamo ringraziare voi che non ci avete mai lasciati soli, il cammino verso la pace degli europei continua. L’intero importo raccolto con i concerti di beneficenza verrà utilizzato dalla Associazione “Pokrova” per il sostegno della popolazione ucraina sia come supporto umanitario in modo particolare per l’acquisto dei generi di prima necessità, medicinali e mezzi di soccorso per la popolazione ucraina, sia come supporto culturale per la protezione del patrimonio dell’Ucraina di ciò che è stato distrutto dall’invasione militare della Russia in Ucraina”.

GENOVA PRIMA TAPPA
“Siamo sinceramente molto grati a Regione Liguria per l’ospitalità e la possibilità di rappresentare la cultura ucraina in Italia cominciando da Genova – ha raccontato Igor Kuriliv, direttore Coro ‘G. Veryovka’ – , nella speranza che sia solo l’inizio di una grande amicizia. Con questo tour vogliamo attirare l’attenzione su quanto sta accadendo in Ucraina e far conoscere agli italiani la nostra cultura che resiste per la sua libertà e per la pace. E’ un grande onore per il nostro coro essere coinvolto nelle celebrazioni del 25 aprile, una festa nazionale così importante per l’Italia e dal così alto valore simbolico. Il nostro coro è composto da professionisti selezionati con concorsi severissimi, a Genova saranno in 78. L’ultima volta che ci siamo esibiti in Italia risale al dicembre 2010 con un concerto a Roma. Dallo scoppio del conflitto è diventato impossibile fare spettacoli ed è nata l’idea di uscire dall’Ucraina per realizzare un tour europeo di concerti di beneficienza. Abbiamo trovato ospitalità in Polonia e ci siamo esibiti in diverse occasioni ora l’arrivo in Italia”.

DAL 28 APRILE CORO IN TOURNEE SU COSTA FIRENZE
“Costa Crociere ha abbracciato con entusiasmo l’iniziativa della Regione Liguria e saremo al fianco dell’organizzazione per i concerti previsti a Genova presso il Teatro Carlo Felice – dichiara il Direttore Generale di Costa Crociere Mario Zanetti – Inoltre, abbiamo offerto al coro ucraino ospitalità a bordo delle nostre navi affinché possano avere la possibilità di organizzare spettacoli e iniziative nei porti di scalo e per i crocieristi. Dall’inizio della guerra Costa si è subito attivata per supportare i propri colleghi ucraini – oltre 400 a bordo delle navi del Gruppo – e donare farmaci e forniture mediche per la popolazione colpita dalla guerra, offrendo anche una nave al governo italiano come hub temporaneo per la popolazione in fuga dalla guerra in caso di necessità”.

L’IMPEGNO DI TRENITALIA
“Abbiamo accolto con grande partecipazione – ha sottolineato Luigi Corradi, Amministratore Delegato di Trenitalia – la richiesta delle associazioni dei consumatori liguri unitamente a Regione Liguria di accompagnare da Varsavia a Genova il Coro Popolare Accademico d’Onore Nazionale Ucraino Veryovka. Il Gruppo FS Italiane conferma il suo sostegno verso il popolo ucraino dando tra l’altro la possibilità di viaggiare gratuitamente sui nostri treni e sostenendo iniziative di solidarietà come il recente convoglio merci partito dalla Toscana verso l’Est Europa con aiuti e beni di prima necessità. Questo ulteriore segno di vicinanza riguarda più espressamente il mondo della cultura che dobbiamo continuare a favorire e appoggiare, in particolar modo in un periodo come questo, contrassegnato da terribili eventi bellici.”

LA STORIA DEL CORO
Il Coro Veryovka è un ensemble unico, che rappresenta una sintesi dell’inesauribile fonte d’arte popolare che le numerose, vaste e lontane regioni dell’Ucraina, popolate da etnie tra loro profondamente diverse, rappresentano. Fondato quasi 80 anni fa, l’11 settembre 1943, da Grigory Guriyovych Veryovka, suo primo direttore, il coro assunse il suo nome nel 1965, ottenendo il prestigioso status di Coro Nazionale nel 1997. Il repertorio del coro comprende le epiche canzoni cinquecentesche, le tipiche scene corali umoristiche popolari, i testi, canti e balli rituali eseguiti in occasione di matrimoni, feste familiari e del raccolto, i canti natalizi. Il coro annovera nei suoi programmi concertistici anche i tesori canori di popoli lontani, di tutto il mondo, composizioni originali in cui musica, canto e danza si fondono. L’ensemble spazia dall’etnia e dal folklore, agli arrangiamenti a cappella classici e a brani originali scritti da compositori contemporanei.

Consigliati

28 Novembre 2022

SPORT, ALBERTO RAZZETTI E LA SINCRONETTE LINDA CERRUTI I VINCITORI DELLA 30A EDIZIONE DEL PREMIO DI REGIONE LIGURIA “LO SPORTIVO LIGURE DELL’ANNO”

ASS FERRO: “DUE ECCELLENZE DEL NUOTO CHE PORTANO IN ALTO IL NOME DELLA LIGURIA”

L’edizione numero 30 del premio è targato nuoto che, con la miglior prestazione di sempre agli europei di Roma, assume il ruolo di spicco nel panorama nazionale sportivo che l’anno scorso era occupato dalle Olimpiadi di Tokyo, il premio va a due indiscussi protagonisti della vasca che hanno dimostrato...

18 Novembre 2022

Uto Ughi incanta e chiude la 27esima edizione di Salone Orientamenti

È stata chiusa dal grande violinista Uto Ughi e dall’orchestra Uto Ughi & Friends la 27esima edizione del Salone Orientamenti. Le note de Le Quattro Stagioni di Vivaldi e le parole dei sonetti sono vibrate nell’auditorium progettato da Renzo Piano, emozionando tutto il pubblico riunito nelle due sale che...

17 Novembre 2022

ORIENTAMENTI, SI CHIUDE CON IL CONCERTO DI UTO UGHI LA 27° EDIZIONE DEL SALONE. PRESIDENTE TOTI: PERFORMANCE DEL GRANDE VIOLINISTA ITALIANO LEZIONE DI VITA PER I RAGAZZI NEL SEGNO DEL ‘I CARE’

GENOVA. Si è chiusa con il concerto di Uto Ughi & Friends la tre giorni del Salone Orientamenti, dedicato alla formazione e organizzato da Regione Liguria. Gremite le sale Maestrale e Grecale, unite per l’occasione, per ospitare le oltre 1000 persone presenti che hanno assistito alle Quattro Stagioni di...

Organizzazione

Con il patrocinio di

Comitato promotore

Media partner